La diversità è la differenza che non fa alcuna differenza

"Ho difficoltà ad accettare la diversità come sinonimo di giustizia." Angela Davis
Quando una leggenda parla, è meglio ascoltarla. Circa 850 persone in fila per passare una serata con la leader dei diritti civili, la dottoressa Angela Davis, di lunedì sera, molti dei quali studenti.
Io stessa sono stata in fila per quasi due ore per avere la possibilità di ascoltare le parole di questa storica rivoluzionaria.
Profondità e onestà nella dottoressa Davis sono state sorprendenti. In un paese ossessionato dal sostenere il politically correct, mi sono sentita rinfrescata dal sentire una donna potente parlare con la sua mente. Sono rimasta particolarmente colpita dalla citazione di cui sopra, una delle molte dichiarazioni per le quali il pubblico afro-americano ha in particolare applaudito.
La diversità è diventata una spada a doppio taglio dove i dati demografici sono quello che interessa. La gente spesso da per scontato che la variazione sia sinonimo di uguaglianza, che la maggiore differenza chiuda un occhio innanzi ad eventuali disparità. Secondo Angela Davis, le persone preferiscono dichiararsi tutte uguali piuttosto che lavorare per rendere reale la seguente affermazione: "La diversità è la differenza che non fa alcuna differenza per tutti."

Qui l’intero articolo di Remaya Campbell.

Diversità agli Oscar: Selma è ora

John Legend e Common, appena vinto un Oscar per la migliore canzone originale, hanno fatto un meraviglioso, accorato e importante discorso.
"Selma è ora," ha dichiarato Legend. "La lotta per la giustizia è ora. La legge per il diritto di voto per il quale è stato combattuto 50 anni fa, è a rischio proprio ora in questo paese, oggi.
In questo momento la lotta per la giustizia è reale. Viviamo nel paese più incarcerato nel mondo. Ci sono più uomini neri in carcere oggi che durante la schiavitù del 1850. Alle persone che marciano con la nostra canzone, vogliamo dire: vi abbiamo visto, siamo con voi, vi vogliamo bene, andiamo avanti con la marcia."

Qui l'intero articolo.

Diversità e amicizia

Essendo stata la prima afro-americana a vincere una medaglia olimpica nello sci la sua è già la prodezza di una vita. Ma immaginate di farlo con la gamba sinistra amputata a 5 anni, un patrigno violento e la mancanza di possibilità per migliorare nello sci.
Tuttavia, questo è esattamente ciò che Bonnie St. John ha compiuto nella sua vita, dopo aver vinto una medaglia di bronzo in slalom e slalom gigante e una medaglia d'argento per la performance complessiva alle Paralimpiadi invernali del 1984 a Innsbruck, in Austria.
Tutto questo, ha rivelato in una recente serata pubblica, non sarebbe mai stato possibile se non fosse stato per la sua amica Barbara Womack, la quale la invitò a sciare, nonostante la sua disabilità. St. John ha dichiarato che non solo la sua amica le ha fatto il dono dello sci, ma gli Stati Uniti hanno guadagnato una medaglia olimpica in più grazie all’apertura mentale di Womack.
“Raggiungete le persone che sono diverse da voi. Barbara Womack ha cambiato la mia vita”, ha aggiunto la St. John. “Il potere della diversità è dare più opportunità e più successo.”

Qui il resto dell'articolo.

Teatro e Logopedia: drammatizzare il disagio

Giorni fa avevo un'ora di teatro terapia con una giovane affetta da ritardo mentale, al quale nel tempo si è aggiunto un disagio di tipo psicologico, con isolamento, comportamenti ossessivi e aggressivi.
Di solito il suo disagio nasce da esperienze vissute che non ha ben compreso o non è riuscita a decodificare.
Pertanto ho iniziato chiedendole di raccontarmi come avesse trascorso gli ultimi giorni, la scuola e così via.
Tra le altre cose, mi ha narrato di un episodio in classe che l’aveva turbata.
Così, ho colto l'occasione per improvvisare con lei e una collega una scena in grado di drammatizzare l’evento angosciante.
La ragazza è stata entusiasta di questa idea, fungendo in pratica da regista sul campo, indicando personaggi e ruoli.
Dopo una prima scena, l’ho esortata a giocare con le parti, così da provare tutti i personaggi e le emozioni corrispondenti.
Ho lasciato con estrema pazienza che guardasse e gestisse il tutto e solo in un secondo momento l’ho invitata a raccontarmi cosa avesse compreso della scena e quale sensazioni le suscitasse.
Al termine dell'ora la giovane era molto più ciarliera di quando fosse entrata nella stanza e, soprattutto, mostrava un inconfondibile sorriso.
Anche il suo stato emotivo ha pertanto beneficiato dell'ora di teatro.

Cecilia Moreschi

Leggi altri racconti e articoli su Teatro e Logopedia

La diversità aiuta gli affari

Accogliere la diversità nella vostra organizzazione non è solo la cosa giusta da fare. Potrebbe essere positivo anche per la vostra filosofia di base.
Una cultura aziendale che valorizzi la diversità può tradursi direttamente in maggiori profitti. Questo perché la diversità comporta i seguenti risultati.
Rafforza gli sforzi nel marketing: quando si dispone di una forza lavoro diversificata, diversi clienti nel vostro mercato di riferimento sono più propensi a fidarsi del vostro marchio e a sentirsi a proprio agio nel fare affari con la vostra azienda.
Migliora l’operatività: aziende che valorizzino la diversità hanno meno assenteismo e ricambio dei posti di lavoro, il che riduce i costi spesi per il personale.
Inoltre, se la vostra cultura abbraccia la diversità, i dipendenti sono più portati ad impegnarsi e sentono che il loro datore di lavoro li comprende e li rispetta. E laddove la vostra azienda che valorizzi la diversità debba assumere nuovi lavoratori, si ha la possibilità di cercare i dipendenti con il più alto potenziale, indipendentemente dalla loro provenienza o etnia.
Innovazione: se i membri del vostro team rappresentano e capiscono persone di diversi mercati di riferimento, sono forse maggiormente in grado di progettare e fornire prodotti e servizi che soddisfino le esigenze di questi potenziali clienti.

E pensare che una volta qualcuno ci ha detto che siamo troppo sognatori…

Qui il resto dell’articolo.

Cartone animato sulla diversità video

Per chi non lo conosca, ecco un video dall'Argentina sulla diversità, un cartone animato bellissimo dell'organizzazione Derechos Humanos y Pluralismo Cultural del Gobierno de la Ciudad de Buenos Aires.
Dalla descrizione: Siamo tutti diversi e non si può supporre altrimenti, perché siamo unici e irripetibili, il primo requisito che dobbiamo imparare è rispettare e mai più discriminare.
Siamo tutti responsabili nella costruzione di una società con più diritti e più rispettosa.



Discorso sulla diversità di Jessica Chastain

Di recente, l’attrice Jessica Chastain ha fatto alcune dichiarazioni  sul tema della diversità durante
una cerimonia di premiazione che le hanno fatto guadagnare, tra le altre cose, alcuni insulti in rete.

Di seguito uno stralcio.
Oggi è il compleanno di Martin Luther King Jr. e mi ha fatto pensare al nostro bisogno di costruire il potere della diversità. Sono un’ottimista e non posso fare a meno di sentire speranza per il futuro. Dice King: ‘La nostra vita inizia a finire il giorno che diventiamo silenziosi sulle cose che contano.’ Vorrei incoraggiare tutti in questa stanza a trovare il piacere di parlarne.”
Eccoci, Jessica.
Noi ne parliamo.

Qui il resto dell’articolo.

La diversità risolve problemi complessi

Di recente è stata intervistata Lani Guinier, nota teorica dei diritti civili statunitense, professoressa
di Diritto presso la Harvard Law School e prima donna nera nominata ad una cattedra di ruolo presso tale istituzione.
Di seguito la risposta ad una domanda su un tema a noi caro.
Un sacco di gente vede la diversità come un modo per garantire equità. Ma lei propone un'argomentazione differente per riunire dissimili gruppi di studenti.
La diversità non è semplicemente una questione di avere persone che sembrino diverse sedute una accanto all'altra ad imparare nello stesso modo. Quello che sto cercando di introdurre nella conversazione è il potere della collaborazione, di avvicinare le persone che portano diversi tipi di competenze per risolvere un problema. Tale diversità può agevolare modi creativi di apprendimento.
Gli studi dimostrano che i gruppi composti da individui più performanti non sono così bravi a risolvere complessi problemi pluridimensionali (come la progettazione di politiche ambientali, la decodificazione di codici o la creazione di sistemi di protezione sociale) quanto gruppi con un mix di competenze, esperienze e modi di pensare, anche se gli individui del gruppo non sono tutti grandi interpreti. Questo è importante, dal momento che il mondo ha un sacco di problemi complessi che dobbiamo risolvere.

Qui il resto dell’articolo.

Diversità non significa disunità

Il giornalista e scrittore britannico John Hooper, corrispondente della rivista internazionale The Economist e del quotidiano The Guardian, ha di recente scritto un libro dal titolo Gli Italiani (The Italians, Viking, 2015).
Tra le altre cose, afferma: ho l’impressione che molti Italiani, e tanti tra i quali che scrivono del proprio paese, commettano un errore nel non fare una fondamentale distinzione tra diversità e disunità.
I due concetti sono collegati ma differenti.
Molti hanno un fervente attaccamento alla propria città, e c’è anche una speciale parola in Italiano per descriverlo: campanilismo.

Qui la video intervista sul sito dell'Economist.



Hollywood e diversità: 2015 e 2014 a confronto

“Quando si tratta di diversità a Hollywood”, sostiene Donna Dickens su Hitfix.com, “sembra che stiano giocando con la regola ‘due passi avanti e uno indietro’. Mai è più evidente questa mancanza di rappresentazione osservando la copertina di Vanity Fair del prossimo numero di marzo dedicato come di consueto al cinema (subito dopo gli Oscar N.d.T.).


“Purtroppo il 2015 non fa eccezione. Questa immagine è particolarmente sconcertante rispetto all'anno scorso, dove Vanity Fair sembrava aver capito che stiamo vivendo nel 21° secolo, con il suo più multietnico numero su Hollywood. Come potete vedere, un buona metà degli attori nella foto erano neri.


“Si potrebbe dire che Vanity Fair sia solo un riflesso del problema sistematico della diversità nell’intrattenimento, e avreste ragione. Ma questo non significa che non ci siano attori neri là fuori tutto l'anno, ogni anno dando loro tutto in un settore che tende a trascurarli. In un campo in cui l’apparire sulle copertine delle riviste più ambite comporta la possibilità di ottenere progetti per decollare, questo è un chiaro handicap.”

Qui l’intero articolo.