Passa ai contenuti principali

Anniversario dell'UNICEF con i Narratori per la pace (Storytellers for Peace)

Celebriamo il 75° anniversario dell'UNICEF con la favole e i pensieri degli Storytellers for Peace ( Narratori per la Pace ). In ordine di apparizione : Barry Stewart Mann (narratore, educatore, attore e autore, USA) Lisi Amondarain (narratrice, argentina) Alessandro Ghebreigziabiher (scrittore, drammaturgo, narratore, attore teatrale e regista, fondatore e coordinatore, Italia) Carla senza di Noi Band (Roberto Moreschi, chitarra, Orfeo Federici, basso, Vincenzo Coratella, percussionista, Italia) Hamid Barole Abdu (scrittore, narratore e poeta, Eritrea) Oriana Fiumicino (scrittrice, drammaturga e narratrice, Italia) Joerg Baesecke (scrittore e narratore, Germania) D.M.S. Ariyrathne (narratore, Sri Lanka) Sandra Burmeister G. (scrittrice, attrice, narratrice e pedagogista teatrale, Cile) Cecilia Moreschi (teatroterapista, drammaturga, attrice teatrale e regista, Italia) Jozé Sabugo (narratore, insegnante, attore teatrale e regista, Portogallo) Suzanne Sandow (regista, attrice, nar

La diversità risolve problemi complessi

Di recente è stata intervistata Lani Guinier, nota teorica dei diritti civili statunitense, professoressa
di Diritto presso la Harvard Law School e prima donna nera nominata ad una cattedra di ruolo presso tale istituzione.
Di seguito la risposta ad una domanda su un tema a noi caro.
Un sacco di gente vede la diversità come un modo per garantire equità. Ma lei propone un'argomentazione differente per riunire dissimili gruppi di studenti.
La diversità non è semplicemente una questione di avere persone che sembrino diverse sedute una accanto all'altra ad imparare nello stesso modo. Quello che sto cercando di introdurre nella conversazione è il potere della collaborazione, di avvicinare le persone che portano diversi tipi di competenze per risolvere un problema. Tale diversità può agevolare modi creativi di apprendimento.
Gli studi dimostrano che i gruppi composti da individui più performanti non sono così bravi a risolvere complessi problemi pluridimensionali (come la progettazione di politiche ambientali, la decodificazione di codici o la creazione di sistemi di protezione sociale) quanto gruppi con un mix di competenze, esperienze e modi di pensare, anche se gli individui del gruppo non sono tutti grandi interpreti. Questo è importante, dal momento che il mondo ha un sacco di problemi complessi che dobbiamo risolvere.

Qui il resto dell’articolo.