Le città più diverse d’America

Al terzo posto, a pari merito: Anaheim e San Diego, California

"La città più bella d’America" e "Il posto più felice sulla Terra" come vengono definite rispettivamente San Diego e Anaheim dagli statunitensi, vantano entrambe diversità e prosperità relativa.
Le comunità di minoranza di San Diego costituiscono il totale del 55 per cento della popolazione, e si collocano nella parte superiore nella classe economica legata alla diversità. Quasi una su tre imprese è di proprietà di una donna, e il reddito medio familiare è 64 mila dollari, molto più alto rispetto alla media nazionale di 53.000 $.
Anaheim, sede di Disneyland, è subito dietro San Diego in termini di diversità di classe economica, ma ha un'economia più diversificata. Più della metà dei residenti della città sono Latini, che arrivano anche a possedere più di una su cinque imprese. La città ha la più grande popolazione di Orange County, un luogo pieno di una serie di comunità etniche che esercitano crescente peso politico.

Al secondo posto: Long Beach, California

La città che ha dato Snoop Dogg e il fenomeno delle moto Jesse James (parlando di diversità). Oltre ad una vasta popolazione latina, Long Beach ha anche grandi comunità afro-americane e asiatiche.

Al primo posto: Los Angeles, California

La Città degli Angeli vanta le più grandi comunità al di fuori del proprio paese d'origine di molte nazioni: Corea, Iran, Thailandia, Messico, El Salvador.
Quasi la metà della popolazione di Los Angeles è Latino, 11 per cento è asiatico, e il 10 per cento è afro-americano. WalletHub classifica LA prima in termini di diversità educativa, ed è ai primi posti nella diversità etnica.

Qui il resto dell'articolo.

La diversità non è una scelta: è la realtà

Il tempo cambia tutto e tutto è collegato, due verità che non possono essere evitate.
Quando i politici parlano di immigrazione siamo pronti a dimenticare quanto siamo tutti interdipendenti, come la storia colpisca il nostro presente, come abbiamo tutti bisogno l'uno dell'altro in tutto il pianeta.
Quello che veramente manca in questo momento è una retorica inclusiva e non una basata sulla paura dell'altro.
Alla fine di tutto l’'altro' è un essere umano come noi, con bisogni e aspirazioni come le nostre. Ciò che veramente ci tiene in disparte è la mancanza di opportunità per incontrarci.
Quale giornale è interessato ad aiutarci a trovare soluzioni per i problemi di tutto il mondo, quando una buona storia di spavento venderà molte più copie?
Siamo un paese vario composto da cittadini provenienti da tutto il mondo. Abbiamo bisogno di essere coesi, di lavorare insieme e di beneficiare a vicenda nel nostro lavoro, tasse e contributi per la nostra vita quotidiana. Abbiamo anche bisogno di apprezzare l'altro. Come lo facciamo?
Dove sono le opportunità che ci uniscono? Siti web governativi parlano di valorizzare la diversità culturale e la condivisione di prospettive culturali, ma dov'è l'incoraggiamento?

Qui l’articolo originale.

Il taxi arcobaleno per celebrare la diversità

Londra ha da oggi un ‘orgoglioso’ taxi arcobaleno per celebrare la diversità.
Dopo l’autobus, ora la capitale inglese dispone anche di questo da aggiungere al mix.
La società dei trasporti londinese ha svelato il nuovo tassì appositamente progettato in vista della Giornata internazionale contro l'omofobia, la transfobia e bifobia che ricorre questa domenica 17 maggio.

Qui l’intero articolo.

La diversità non va ignorata

Ana Mari Cauce, il presidente ad interim della Università di Washington, sta conducendo una nuova iniziativa sull’equità nel suo campus.
Desidera che i suoi studenti riconoscano e celebrino le differenze - non solo facendo finta di ignorarle.
Cauce sostiene che la diversità sia una delle chiavi per il successo degli studenti.
"La demografia della nostra popolazione sta cambiando, in modo particolare tra i giovani”, ha dichiarato. “Se auspichiamo avere il tipo di forza lavoro istruita che vogliamo e di cui abbiamo bisogno, abbiamo davvero necessità di garantire accesso a tutti i cittadini. Dobbiamo anche fare in modo che essi ottengano non solo l’università, ma che quando siano lì, possano migliorare."

Qui l’intero articolo.

Le tre domande della diversità nel lavoro

Ecco tre domande che ogni azienda dovrebbe farsi su come continuare, insieme, a tracciare un nuovo corso per le organizzazioni e il settore tecnologico in generale.
1. L'organizzazione è in generale e a livello di leadership diversificata?
2. Consiste in una vasta rete costruita in base al talento?
3. Avete creato un ambiente per sostenere la diversità?

Qui l'intero articolo.

Importanza della diversità per Google

Che si tratti di costruire macchine che si guidino da sole, una flotta di palloncini per raggiungere il mondo con Internet o minuscole particelle per rilevare il cancro, Google è noto per pensare in grande, davvero grande.
Ora il gigante del web sta per scavare nelle proprie montagne di soldi e raggruppare alcune delle menti più brillanti del mondo per assumere un'altra sfida seria e non eludibile: modificare il codice a causa della mancanza di diversità nel settore tecnologico.
Google sta alzando la posta in gioco nel suo tentativo di attrarre più donne e minoranze, ha dichiarato Nancy Lee, vice presidente di Google per il lavoro con il personale, a USA TODAY in un'intervista esclusiva.
“L'anno scorso Google ha speso 115 milioni dollari in iniziative sulla diversità. Nel 2015 ha in programma di spendere 150 milioni dollari per una campagna di ampio respiro che si estenda fin dall’intero delle mura di Google al settore in generale”, ha aggiunto Lee.

Qui l’intero articolo.