Teatro e Logopedia: i mattoni che mancano

Ieri avevo un gruppo di sette ragazzi, sei femmine e un maschio, tutti sopra i vent'anni, due di loro
audiolesi.
Ho proposto anche a loro il gioco del fumetto: dopo aver parlato dettagliatamente di cosa si tratta, soffermandomi sul concetto di striscia e di vignetta, mi sono messa in posizione statica con una delle ragazze e ho stimolato gli altri a immaginare cosa ci stavamo dicendo.
L’immagine era quella di due persone che si incontrano e si stringono la mano sorridendo.
Com’era prevedibile, qualcuno ha trovato all’inizio difficoltà ad associare quel gesto alle frasi "Piacere, mi chiamo..." oppure "Ciao come stai?", mentre altri non hanno avuto esitazioni nell'esporre la frase più adatta.
Ho quindi dovuto insistere molto per aiutarli ad associare la parola alla gestualità, ripetendolo più volte.
Il normale apprendimento (fatto di suoni da sentire e scene da guardare) che naturalmente si struttura nell'essere umano, è precluso laddove ci sia una sorta di "barriera" (in questo caso uditiva).
Il teatro quindi può "mettere i mattoni che mancano" nel palazzo della conoscenza che ognuno ha dentro di sé.

Cecilia Moreschi

Leggi altri racconti e articoli su Teatro e Logopedia

Teatro di narrazione spettacolo a Roma: Amori diversi

Amori diversi

Spettacolo presentazione dell'omonimo libro

D’amore. Se vuoi che le tue storie incontrino i favori del grande pubblico in questo paese devi scrivere d’amore, questo mi sentii dire un giorno. La mia fortuna è che al mondo esistono molteplici tipi d’amore...

di e con 
Alessandro Ghebreigziabiher

Con la partecipazione di 
Cecilia Moreschi

Sabato 30 Novembre 2013
Ore 18

Teatro Planet Via Crema 14 Roma


SI CONSIGLIA LA PRENOTAZIONE

Info:
Tel: 348-9222588




Brani dello spettacolo narrati dall'autore, nonché presenti nel libro edito da Tempesta Editore:



Leggi la prefazione di Barry Bradford.

Leggi la prefazione di Oriana Fiumicino.

Qui altri video.  

Qui il sito dell’editore.  

Per comprarlo:  
Amori diversi (ISBN: 8897309453 - ISBN-13: 9788897309451)
Nei siti specializzati (In aggiornamento): Ibs, Webster, Libreria Universitaria, Deastore
Sul sito dell'editore: Amori diversi
Oppure ecco l'elenco di librerie sul territorio nazionale dove è possibile acquistarlo o ordinarlo: librerie

Teatro e Logopedia: il tempo di osservare

Da più di dieci anni lavoro come docente in un centro di riabilitazione logopedica di Roma.
Con i bambini e ragazzi pratico la teatro terapia e il più delle volte è proprio grazie alle idee che loro mi fanno venire nell'attimo in cui li incontro, che riesco a inventare giochi e esercizi, in modo da usare il teatro per implementare le loro capacità comunicative (e un po' anche le mie).
Oggi avevo un gruppo di cinque bambini delle elementari e insieme abbiamo fatto il "Gioco del fumetto". Camminiamo liberamente per la stanza, ad un dato segnale ci fermiamo restando nella posizione che abbiamo preso e isoliamo due o più persone (tra bambini e terapiste che giocano con loro). Ecco dunque la nostra vignetta, e uno alla volta, sforzandosi di guardare davvero i gesti, le espressioni, la postura del corpo, deve immaginare dove sono, cosa fanno e cosa dicono, ovvero cosa c'è scritto nella nuvoletta del fumetto che esce dalla loro bocca. Una volta detto, i personaggi della vignetta devono recitare le battute suggerite, così da verificare se queste vanno bene con le loro posizioni. A volte sono davvero spassose. Ed è un buon metodo per soffermarci sullo sguardo (lui guarda lei, ma lei non guarda lui, quindi? Forse non è interessata a ciò che le sta dicendo), sui gesti che a volte le mani compiono senza che nemmeno ce ne rendiamo conto, sulle espressioni, in una sola frase sul corpo che parla (e allora diamogli voce).
Inoltre, lo sforzo che fanno i prescelti della vignetta per restare fermi tutto il tempo che occorre al loro amico per pensare, è proprio un'accortezza che i bambini hanno l'un per l'altro senza che ci sia bisogno di chiederlo.
Fermarsi e trovare il tempo di osservare, questa mi sembra la chiave del tutto.
Forse non solo a teatro.
Fermarsi qualche momento ad osservare due persone per comprendere appieno ciò che stanno facendo o si stanno dicendo, forse ci aiuta ad essere più consapevoli di quel accade attorno a noi.
E in noi.

Cecilia Moreschi

Leggi altri racconti e articoli su Teatro e Logopedia