Passa ai contenuti principali

Anniversario dell'UNICEF con i Narratori per la pace (Storytellers for Peace)

Celebriamo il 75° anniversario dell'UNICEF con la favole e i pensieri degli Storytellers for Peace ( Narratori per la Pace ). In ordine di apparizione : Barry Stewart Mann (narratore, educatore, attore e autore, USA) Lisi Amondarain (narratrice, argentina) Alessandro Ghebreigziabiher (scrittore, drammaturgo, narratore, attore teatrale e regista, fondatore e coordinatore, Italia) Carla senza di Noi Band (Roberto Moreschi, chitarra, Orfeo Federici, basso, Vincenzo Coratella, percussionista, Italia) Hamid Barole Abdu (scrittore, narratore e poeta, Eritrea) Oriana Fiumicino (scrittrice, drammaturga e narratrice, Italia) Joerg Baesecke (scrittore e narratore, Germania) D.M.S. Ariyrathne (narratore, Sri Lanka) Sandra Burmeister G. (scrittrice, attrice, narratrice e pedagogista teatrale, Cile) Cecilia Moreschi (teatroterapista, drammaturga, attrice teatrale e regista, Italia) Jozé Sabugo (narratore, insegnante, attore teatrale e regista, Portogallo) Suzanne Sandow (regista, attrice, nar

La mancanza di diversità agli Oscar: ecco i motivi

Dall’articolo del Time:

Dal momento che le nomination agli Oscar 2016 sono state annunciate il 14 gennaio, l'Academy of Motion Picture Arts and Sciences è stata più volte chiamata in causa per la mancanza di diversità tra i suoi candidati. Tutte le 20 nomination sono andate ad attrici e attori bianchi, continuando un modello di sotto rappresentazione delle minoranze che può essere fatto risalire alle radici degli Oscar.
La mancanza di diversità, anche se preoccupante, non è del tutto sorprendente se si tiene conto che l'Accademia è bianca al 94%, secondo il Los Angeles Times. Ma tra i suoi 6000 e più membri, quelli che esercitano la maggior parte del potere sono i membri del Consiglio dei governatori, che supervisionano la pianificazione strategica e le finanze dell'Accademia e approvano tutte le nomine per l'adesione.
L’immagine (qui in basso) è composta dai membri del consiglio e dimostra che, tranne l’afro-americana Cheryl Boone Isaacs e il direttore della fotografia Daryn Okada, sono tutti bianchi



Guarda anche: