Passa ai contenuti principali

Anniversario dell'UNICEF con i Narratori per la pace (Storytellers for Peace)

Celebriamo il 75° anniversario dell'UNICEF con la favole e i pensieri degli Storytellers for Peace ( Narratori per la Pace ). In ordine di apparizione : Barry Stewart Mann (narratore, educatore, attore e autore, USA) Lisi Amondarain (narratrice, argentina) Alessandro Ghebreigziabiher (scrittore, drammaturgo, narratore, attore teatrale e regista, fondatore e coordinatore, Italia) Carla senza di Noi Band (Roberto Moreschi, chitarra, Orfeo Federici, basso, Vincenzo Coratella, percussionista, Italia) Hamid Barole Abdu (scrittore, narratore e poeta, Eritrea) Oriana Fiumicino (scrittrice, drammaturga e narratrice, Italia) Joerg Baesecke (scrittore e narratore, Germania) D.M.S. Ariyrathne (narratore, Sri Lanka) Sandra Burmeister G. (scrittrice, attrice, narratrice e pedagogista teatrale, Cile) Cecilia Moreschi (teatroterapista, drammaturga, attrice teatrale e regista, Italia) Jozé Sabugo (narratore, insegnante, attore teatrale e regista, Portogallo) Suzanne Sandow (regista, attrice, nar

Teatro e Logopedia: camminare insieme

Ieri in gruppo abbiamo lavorato sulla gestione del corpo.
Ho iniziato invitando i bambini a camminare insieme alla sottoscritta come se avessimo dovuto realizzare una sorta di processione in stop motion, coordinando ogni movimento sul battito di mani di una mia collega e inserendo ogni volta la pausa tra un passo e l'altro.
In questo modo ci siamo avvalsi sia di una fonte visiva che di una sonora su cui armonizzare i nostri movimenti.
Uno dei bambini è risultato più veloce degli altri e si è distaccato dal gruppo. Cosicché lo abbiamo stimolato a programmare i suoi movimenti (ad esempio fare per tre volte passi piccoli) e così riallinearsi agli altri. Perché l'obiettivo è andare insieme e non essere i primi.
In seguito abbiamo eliminato la fonte visiva: la collega che batteva il tempo si è fermata alle nostre spalle.
Da quel momento abbiamo cominciato a coordinare il passo solo su quel che ascoltavamo.
Infine abbiamo tolto anche il battito: ora dobbiamo muoverci insieme senza alcuno stimolo, solo sentendo il nostro corpo, la pausa, e il corpo dei compagni.
E dopo qualche prova, alla fine ce l'abbiamo fatta.
Insieme.

Cecilia Moreschi

Leggi altri racconti e articoli su Teatro e Logopedia