Storie di diversità: cosa succederebbe se

video razzista Dolce e GabbanaQuesta è la storia di cui voglio parlare oggi.
Una sorta di racconto educativo nella forma di metodo universale per riflettere.
Prima di fare qualsiasi cosa.
Potremmo chiamarlo Test preliminare, se preferite.
Pensate a quello che è successo in Cina in seguito allo spot razzista di Dolce e Gabbana.
Ecco qualcosa che avrebbe aiutato l'azienda ad evitare tale contraccolpo.
Cosa succederebbe se, promuovendo il proprio marchio in Italia, un imprenditore cinese mostrasse il video di una goffa ragazza italiana incapace di mangiare involtini primavera?
In altre parole, e se il tuo paese fosse l'obiettivo della parodia?
E se fossi tu al posto degli altri?
E se potessimo cambiare ruolo nell'immagine del tuo mondo preferito?
Cosa succederebbe se io fossi te e viceversa?
Lo so, è qualcosa di vecchio e banale, ma se è davvero così, perché ci sono ancora così tante persone che non lo usano?

Commenti