Brano per riflettere: mi piace pensare

Fine della guerra, fine delle violenze, fine dei massacri, fine, infine, di ogni abominio tollerato, là fuori.
All’esterno dell’ingenuo rimedio che chiamo pensiero.
Ciò che mi piace, altresì, è il diritto di pensare a ciò che mi piace, che diviene talvolta dovere, nelle giornate meno ottimiste.
Perché altrimenti, non potrei scriverne, e molti altri, ben più pratici del sottoscritto, non avrebbero potuto trovare l’ardire di metter fondamenta al di sotto di quei benedetti castelli svolazzanti.
Così, mi piace pensare, dicevo.
Mi piace pensare, a questo punto del racconto...

Leggi il resto

Commenti