Brano sul razzismo: nessuno è mai stato un colore

Le sue speranze per un civile compromesso e la sua fede nelle possibilità dei molti, erano meravigliosamente racchiuse in un sol corpo, ricoperto di una carnagione che parlava a tutti, soprattutto ai silenziosi buoni che abitano copiosi le zone più intolleranti del mondo.
Anche Gandhi non era un colore, ma un gesto di grado zero e infinito al contempo, nel rimanere immobile, indomito e tenace laddove i vili aggressori si facciano forza l’un l’altro per opprimere e umiliare le note più vulnerabili del pentagramma vivente...

Leggi il resto

Commenti