La diversità non è una scelta: è la realtà

Il tempo cambia tutto e tutto è collegato, due verità che non possono essere evitate.
Quando i politici parlano di immigrazione siamo pronti a dimenticare quanto siamo tutti interdipendenti, come la storia colpisca il nostro presente, come abbiamo tutti bisogno l'uno dell'altro in tutto il pianeta.
Quello che veramente manca in questo momento è una retorica inclusiva e non una basata sulla paura dell'altro.
Alla fine di tutto l’'altro' è un essere umano come noi, con bisogni e aspirazioni come le nostre. Ciò che veramente ci tiene in disparte è la mancanza di opportunità per incontrarci.
Quale giornale è interessato ad aiutarci a trovare soluzioni per i problemi di tutto il mondo, quando una buona storia di spavento venderà molte più copie?
Siamo un paese vario composto da cittadini provenienti da tutto il mondo. Abbiamo bisogno di essere coesi, di lavorare insieme e di beneficiare a vicenda nel nostro lavoro, tasse e contributi per la nostra vita quotidiana. Abbiamo anche bisogno di apprezzare l'altro. Come lo facciamo?
Dove sono le opportunità che ci uniscono? Siti web governativi parlano di valorizzare la diversità culturale e la condivisione di prospettive culturali, ma dov'è l'incoraggiamento?

Qui l’articolo originale.

Commenti